ASSEMBLEA GENERALE DEL MOVIMENTO 24 AGOSTO EQUITÀ TERRITORIALE: LINEE GUIDA, MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE E REGOLAMENTO DEL VOTO.

ASSEMBLEA GENERALE DEL MOVIMENTO 24 AGOSTO EQUITÀ TERRITORIALE: LINEE GUIDA, MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE E REGOLAMENTO DEL VOTO.

ASSEMBLEA GENERALE DEL MOVIMENTO 24 AGOSTO EQUITÀ TERRITORIALE: LINEE GUIDA, MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE E REGOLAMENTO DEL VOTO.

Di seguito si rende noto il regolamento del voto per l’Assemblea Generale degli iscritti al Movimento 24 Agosto Equità Territoriale, licenziato nel consiglio direttivo nazionale del 14.11.2021.

 

  • Capo 1: Partecipazione all’Assemblea.

Potranno partecipare all’Assemblea tutti gli iscritti risultanti al 31.12.2021 in regola con l’annualità 2021 e che avranno rinnovato la propria tessera per l’annualità 2022.

Per favorire la più ampia partecipazione all’Assemblea la quota di iscrizione per l’anno 2021 che sarà versata nel periodo tra il 14 novembre e il 31 dicembre 2021 è ridotta, eccezionalmente ed una tantum, ad € 10,00.

Gli stessi iscritti, comunque, per partecipare all’Assemblea dovranno rinnovare la propria tessera per l’anno 2022 entro il 31.01.2022 pagando la quota ordinaria di €20.00;

A partire dal 14 novembre 2021 i versamenti delle quote associative dovranno essere effettuati esclusivamente a mezzo bonifico bancario all’ IBAN intestato al Movimento. È sospeso il tesseramento on-line.

 

  • Capo 2: Commissione Verifica Poteri.

Viene nominata dal Consiglio Direttivo in carica e dovrà svolgere i seguenti compiti:

  1. Verificare la congruenza delle mozioni politiche con i criteri di presentazione individuati dal presente regolamento ai successivi capi;
  2. Verificare la regolarità degli iscritti e delle rispettive deleghe secondo i criteri individuati dal presente regolamento ai successivi capi;
  3. Redigere i modelli di candidatura e pubblicarli sul sito del Movimento;
  4. Redigere i modelli di delega e pubblicarli sul sito del Movimento;
  5. Fornire gli elettori delle schede elettorali (anche per le rispettive deleghe);
  6. Assumere il ruolo di Commissione Elettorale durante le procedure di voto.

 

  • Capo 3: Rappresentanza all’Assemblea.

Dovrà essere garantita la più ampia partecipazione alla base. Pertanto a tutti gli iscritti in regola secondo il disposto al capo 1, sarà permessa la partecipazione. Ad ogni partecipante, sempre nel rispetto della più ampia partecipazione, sarà permesso portare al massimo due deleghe secondo il modello di cui al capo 2 comma d).

 

  • Capo 4:

In merito alla logistica delle operazioni assembleari si individuano le seguenti procedure:

  1. Accoglienza e verifica: gli iscritti verranno accolti nella sede prescelta per l’assemblea -nel rispetto delle norme anti-covid, attuali e future- dove la Commissione Verifica Poteri ne verificherà il diritto alla partecipazione secondo quanto stabilito dal Capo 1. Coloro che non risulteranno in regola con quanto ivi disposto non potranno partecipare all’assemblea. Il tesserato dovrà esibire un documento di riconoscimento in corso di validità e qualora ne sia a conoscenza comunicare il numero della propria tessera. Agli aventi diritto, verranno consegnata una o più scheda elettorale. Ogni iscritto che ne sia in possesso, dovrà esibire alla Commissione Verifica Poteri anche le eventuali deleghe ricevute, redatte e sottoscritte secondo il modello di cui al capo 2 d) insieme alla copia del documento di riconoscimento in corso di validità dei deleganti e, qualora ne fosse a conoscenza, comunicarne il numero di tessera. Qualora i deleganti risultino essere in regola con il disposto al Capo 1, al delegato verranno fornite tante schede elettorali quante saranno le deleghe. Terminate le verifiche la Commissione validerà l’elenco degli aventi diritto al voto assumendo anche le funzioni di Commissione Elettorale.
  2. Contributo libero: alla Commissione verifica Poteri ogni iscritto potrà lasciare un libero contributo per le spese della sala.
  3. Ingresso in sala: una volta entrati nella sala agli iscritti è espressamente fatto divieto di creare assembramenti. Occuperanno il posto a loro assegnato dal servizio d’ordine e rispetteranno le normative anti-covid vigenti.

 

  • Capo 5: Presentazione delle Mozioni.

Il voto si svolgerà su singola mozione che dovrà essere presentata alla Commissione Verifica Poteri a mezzo Pec -che verrà pubblicata sul sito del Movimento- entro la data comunicata sullo stesso sito del Movimento. La Commissione ne valuterà la regolarità validandole o motivatamente respingendole -e dandone immediata comunicazione- secondo il rispetto dei seguenti criteri:

  1. Ogni mozione dovrà essere sottoscritta da almeno 50 iscritti che soddisfino quanto riportato al capo 1;
  2. Ad ogni singola mozione sarà collegata una lista di candidati al consiglio direttivo nazionale nel numero massimo di 40 tra coloro che l’hanno sottoscritta. Alla mozione dovrà essere collegato il candidato Presidente/Segretario;
  3. Per ogni lista di candidati ciascun genere non potrà superare i 2/3;
  4. Ogni iscritto potrà sottoscrivere un’unica mozione. Nel caso in cui l’iscritto sottoscriva due o più mozioni, la stessa non sarà ritenuta valida per nessuna.

 

  • Capo 6: Discussione delle Mozioni.

In sede assembleare si procederà alla presentazione e discussione delle mozioni e successivamente al voto -a scrutinio segreto- utilizzando le schede pre-stampate fornite dalla Commissione Verifica Poteri che avrà assunto il ruolo di Commissione Elettorale (vedi Capo 2f e Capo 4a).

 

  • Capo 7: Membri del Consiglio Direttivo.

La quota dei componenti il Direttivo che l’Assemblea andrà ad eleggere è pari a 40 membri.

 

  • Capo 8: Votazione*.

La votazione avverrà per mozioni e preferenze. L’elettore esprimerà il proprio voto contrassegnando una sola tra le mozioni (alla quale è collegato il candidato a Presidente/Segretario) e potrà esprimere fino a 10 preferenze tra i candidati consiglieri collegati alla mozione contrassegnata. Risulterà eletto Presidente/Segretario il candidato collegato alla mozione che avrà ricevuto più voti. Alla mozione che avrà ricevuto il maggior numero di consensi e ottenuto almeno il 34% dei voti, verranno assegnati il 60% dei consiglieri componenti il direttivo nazionale. Ove la mozione più votata dovesse superare il 60% le saranno comunque assegnati proporzionalmente tanti componenti il direttivo corrispondenti alla percentuale effettivamente ottenuta, fino al 90%. Alle altre mozioni saranno attribuiti i rimanenti consiglieri in misura proporzionale tra loro. In ogni caso nella ripartizione dei consiglieri collegati alle mozioni di minoranza alle quali sia stato attribuito almeno un consigliere, il candidato Presidente/Segretario della singola mozione verrà considerato primo eletto.  Saranno eletti consiglieri del direttivo nazionale i candidati che avranno ricevuto il maggior numero di preferenze tra i candidati consiglieri delle singole mozioni, fino al raggiungimento del numero di consiglieri spettante alla lista in cui sono candidati.

 

  • Capo 9: Primi compiti del Presidente/Segretario eletto e del nuovo Consiglio Direttivo.

Il Presidente/Segretario eletto convocherà il nuovo Direttivo entro e non oltre 30 gg dalla data dello svolgimento dell’assemblea e sceglierà al suo interno almeno il 70% dei componenti la sua Segreteria Politica che sarà composta da un minimo di 10 a un massimo di 15 membri tra cui uno o due Vice – Presidenti/Segretari.

 

 

*A chiarimento del capo 8): se nessuna mozione otterrà almeno il 34% dei voti dell'assemblea, i consiglieri componenti il direttivo nazionale saranno assegnati alle varie liste in ragione proporzionale ai voti ricevuti.

LINK AL REGOLAMENTO

Antonio Picariello

Antonio Picariello

Related Articles

Leave a Reply

Close
Close

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

Close

Close