COME DISTRUGGERE IN 30 MOSSE UNA TERRA DEL SUD RICCA E BELLA

COME DISTRUGGERE IN 30 MOSSE UNA TERRA DEL SUD RICCA E BELLA

COME DISTRUGGERE IN 30 MOSSE UNA TERRA DEL SUD RICCA E BELLA

di Angelo Bricocoli

Dopo la grande mobilitazione dei ventimila, lo stato interviene promettendo la DIA a Foggia. Certo, è un primo importante passo, ma non basta. Combattere la mafia significa contrastarne le cause, prima fra tutte è la mancanza di lavoro. Ricordiamo quanto ha già dato e continua a dare alla nazione la nostra terra di Capitanata, senza ricevere nulla in cambio:

la Scuola di Polizia è stata chiusa;

  • la nostra pianura, durante le guerre mondiali, ha contribuito con più di 20 aeroporti (nel 43 abbiamo subito 5 mesi di bombardamenti con più di 20 mila vittime, una delle maggiori stragi di guerra della storia), ma, nonostante ciò, l'aeroporto civile non è ancora opertivo;
  • l’idroscalo di S. Nicola, bene di interesse storico e artistico di proprietà del Ministero della Difesa è in stato di abbandono mentre potrebbe essere un attrattore turistico;
  • il Distretto Militare (Distretto PRINCIPALE, cioè fra i più importanti) è stato chiuso;
  • la linea ferroviaria Bari-Roma non passerà più per Foggia (ricordo che Foggia era il secondo centro ferroviario del Sud, dopo Napoli con ben sei linee ferroviarie attive);
  • la linea ferroviaria Foggia - Lucera, che doveva essere prolungata fino a Roma passando per Campobasso, è mestamente ferma a Lucera e non verrà mai sviluppata;
  • la linea ferroviaria pedegarganica San Severo - San Marco in Lamis - Apricena deve essere riattivata e completata con la linea San Giovanni R. - Monte S. Angelo – Manfredonia – Foggia;
  • la superstrada del Gargano è incompleta;
  • Il porto di Manfredonia è il principale porto peschereccio dell’Adriatico ed è stato dotato di strutture (i famosi “nastri trasportatori” detti anche “nastri d’oro” a causa del costo elevato) per diventare un importante porto commerciale. Le strutture, costosissime, non sono mai entrate in funzione e a queste strutture non corrisponde una viabilità idonea per le merci: un fallimento voluto!
  • l'Istituto Regionale di Incremento Ippico di Foggia era uno dei più importanti d’Italia (centro specializzato della razza equina “Murgese”) ed è stato chiuso;
  • lo zuccherificio di Rignano è stato chiuso;
  • l'Agenzia Nazionale per la Sicurezza Alimentare, in un primo momento prevista a Foggia (il granaio d’Italia!), è stata data a Verona;
  • la “Fiera dell’Agricoltura” di Foggia era la più importante d'Italia e fra le più importanti d’Europa, dotata di padiglioni stabili di paesi esteri è ridotta a dimensioni e importanza minori di quelle del mercato settimanale. Il quartiere fieristico versa in uno stato di abbandono e di degrado spaventosi;
  • la produzione del grano del tavoliere è la maggiore del paese e rappresenta la ricchezza agricola nazionale, ma gli agricoltori sono in difficoltà per le politiche di importazione di grani esteri di bassa qualità, nessuna sicurezza (presenza di glifosato e radioattività) e bassissimo costo;
  • la nostra produzione di pomodori (di eccellente qualità) regge tutto il sistema produttivo nazionale;
  • il distretto del Sale, il più grande d'Europa, è stato ceduto ai francesi;
  • il vino foggiano è la base per i famosi vini “piemontesi” portando notorietà e guadagni lontano dai produttori;
  • la Capitanata produce un sesto dell’olio italiano, olio di grande qualità perché di bassa acidità e di grande fragranza, ma viene sminuito perché usato per tagliare oli modesti e insidiato dalla concorrenza sleale di oli di dubbia qualità provenienti dall’estero;
  • la maggior parte dei prodotti agricoli viene lavorata fuori dal nostro territorio;
  • la Puglia è stata definita dal National Geographic, per il secondo anno consecutivo, come la regione più bella del mondo: la provincia di Foggia è la parte con la maggiore quantità e varietà di ambienti naturali e siti storici, artistici e archeologici;
  • la Grotta Paglicci (Rignano) è tra i siti paleolitici più importanti del mondo, ma riceve ZERO turisti perché la Grotta non è visitabile e il museo non è ancora aperto;
  • la stessa sorte tocca alla “Tomba della Medusa” a Foggia;
  • il nostro paesaggio è stato deturpato da innumerevoli centrali eoliche di proprietà (e quindi di utili) esterni al territorio, per fornire energia a basso costo al Nord e a costo MAGGIORATO al Sud;
  • la prima centrale fotovoltaica d’Europa è stata costruita tra Foggia e Manfredonia. Al termine della sua vita utile è stata abbandonata ed ora versa in stato di degrado;
  • La miniera di bauxite di S. Giovanni Rotondo è stata sfruttata dalla Montecatini (società fiorentina) per essere poi abbandonata ancora produttiva;
  • La transumanza, antica usanza tipica che lega Foggia all’Abruzzo, è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO e può diventare un motivo di attrazione turistica di qualità;
  • Infine Foggia è stata Capitale dell'Impero di Federico II ed anche capitale del Regno di Napoli.

Anche per questi motivi, la nostra terra merita rispetto: pretendiamolo!

 

 

 

 

Raffaele Vescera

Raffaele Vescera

Related Articles

Leave a Reply

Close
Close

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

Close

Close