COS'È CHE I PRESIDENTI DELLE REGIONI DEL MEZZOGIORNO NON HANNO CAPITO RISPETTO AL CONCETTO POLITICO LEGHISTA DEL PRIMA IL NORD?

COS'È CHE I PRESIDENTI DELLE REGIONI DEL MEZZOGIORNO NON HANNO CAPITO RISPETTO AL CONCETTO POLITICO LEGHISTA DEL PRIMA IL NORD?

COS’È CHE I PRESIDENTI DELLE REGIONI DEL MEZZOGIORNO NON HANNO CAPITO RISPETTO AL CONCETTO POLITICO LEGHISTA DEL PRIMA IL NORD?

Di Massimo Mastruzzo*
Massimiliano Fedriga, presidente, leghista, del Friuli-Venezia Giulia, eletto all'unanimità
(dagli altri Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome) presidente della Conferenza delle Regioni.
Conferenza delle Regioni significa un luogo dove - a porte chiuse - si prendono importanti decisioni sui riparti dei fondi, dalla sanità agli asili nido: non bastava dare al lupo (Bonaccini?) la gestione dell'agnello, c'era anche bisogno di offrirgli già il contorno di patate al forno aromatizzate al rosmarino?
Come dimenticare, a tal proposito, che il collega di partito di Fedriga, tal Giancarlo Giorgetti è stato quello che ha legalizzato la più grande truffa ai danni dei cittadini del Sud Italia?
Sì miei cari presidenti/polli del Sud, Giorgetti, che oggi, nel governo Draghi, ricopre il ruolo di ministro dello Sviluppo Economico, è quello che quando, dal 2013 al 2018, fu presidente della bicamerale per il federalismo fiscale, insabbiò i LEP.
E fu così subdolo (come risulta dagli atti), che dopo aver ricevuto i dati sui Livelli Essenziali delle Prestazioni dal Ministero del Tesoro, chiese alla commissione per il Federalismo Fiscale, di cui era, appunto, presidente, una sessione segreta con la seguente motivazione: "facciamo come in antimafia, una seduta segreta, i dati potrebbero essere scioccanti".
I LEP sono i Livelli Essenziali delle Prestazioni, soldi, che lo stato dovrebbe destinare nella stessa quota di spesa pubblica pro capite in tutte le regioni d'Italia.
Significa che per ogni cittadino ci dovrebbe essere una quota X che viene destinata dalla ripartizione della spesa pubblica, e questa X dovrebbe essere uguale per tutti, in ogni parte d'Italia. Ovvero i LEP dovrebbero stabilire quanto ogni cittadino italiano da Reggio Calabria a Sondrio dovrebbe avere se la legge entrasse in vigore. Mi riferisco alla legge, 42 del 2009, ad oggi ancora inapplicata, sul federalismo fiscale cui primo firmatario è stato il leghista Calderoli (Calderoli+Giorgetti+Fedriga=Salvini)
Questa truffa legalizzata, in soldoni, significa che:
● A Reggio Emilia viene riconosciuto un fabbisogno standard di 139 milioni;
● A Reggio Calabria di 104 milioni: 35 milioni di euro in meno, pur avendo quasi 10 mila abitanti in più.
Significa che:
● Un neonato di Reggio Calabria ha diritto a 570 euro di spesa pubblica pro capite;
● Un neonato di Reggio Emilia a 700.
E questa vergognosa sottrazione di diritti va avanti, dal 2009 (prima avveniva senza avere contezza), vale oltre 60 miliardi di euro in meno ogni anno ai cittadini del Sud, hai cittadini che sono vostri elettori.
E voi cari presidenti delle regioni dove la disomogeneità Territoriale, rispetto al resto del Paese, non ha eguali in Europa, votate all'unanimità per Fedriga?
Allora vi piace proprio essere italiani di serie B! Sarà così anche per i vostri elettori?
*Direttivo nazionale M24A-ET
Movimento per l'Equità Territoriale
Raffaele Vescera

Raffaele Vescera

Related Articles

Leave a Reply

Close
Close

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

Close

Close