EFFETTO SPESA STORICA: LE REGIONI DEL SUD TRA LE ULTIME IN EUROPA PER POLITICHE SOCIALI.

EFFETTO SPESA STORICA: LE REGIONI DEL SUD TRA LE ULTIME IN EUROPA PER POLITICHE SOCIALI.

EFFETTO SPESA STORICA: LE REGIONI DEL SUD TRA LE ULTIME IN EUROPA PER POLITICHE SOCIALI.

di Antonio Picariello*
L'indice di progresso sociale dell'Ue misura la qualità della vita e il progresso sociale a livello regionale andando oltre il Pil. Utilizza 12 componenti e 45 indicatori sociali e ambientali comparabili, ma esclude intenzionalmente gli aspetti economici.
Ne risulta che sebbene nel complesso, la maggior parte delle Regioni europee soddisfino le necessità base, come l'alimentazione, le cure mediche di base, l'acqua, i servizi igienico-sanitari, un alloggio e la sicurezza personale, le differenze aumentino a dismisura se si considerano gli indicatori di opportunità, ovvero i diritti personali, la tolleranza, l'inclusione sociale, l'accesso all'istruzione avanzata e all'apprendimento permanente.
In Italia sono le regioni del Mezzogiorno ad occupare gli ultimi posti: la Sicilia è ultima, con un indice di 54,37, preceduta da Calabria (54,68) e Puglia (54,97). In testa la Provincia Autonoma di Trento con 66.48, Emilia-Romagna (63,80) e il Friuli-Venezia Giulia (63,38).
Perché sono più efficienti? Vi rispondo con un'altra domanda: riuscireste meglio a risollevare le sorti di una persona bisognosa con 1000 o con 100 euro? Certo, potreste tacciarmi di assistenzialismo, ma se quei soldi vi spettassero di diritto e invece sistematicamente venissero elargiti a chi ne ha già di più attraverso un inganno perverso? Ecco eliminate pure il condizionale ed avrete la certezza del sistema di riparto della spesa pubblica italiana che ogni anno trasferisce 61 miliardi di euro del Sud all'efficiente Nord.
Si chiama spesa storica ed è il perverso inganno di cui vi parlavo. Gli ultimi dati Istat disponibili, relativi al 2017, dicono che la spesa per il welfare in Italia è cresciuta, rispetto al 2016 del 2,5% (177 milioni). Tuttavia se la spesa sociale media pro-capite a livello nazionale si attesta a 119 euro, al Sud raggiunge livelli molto più bassi rispetto al resto del paese: da noi in media il welfare vale 58 euro pro-capite a fronte di valori che superano i 115 euro (annui) in tutte le altre ripartizioni e che toccano il massimo nel Nord-Est: 172 euro. Se poi consideriamo le singole regioni, allora si passa dai 22 euro della Calabria ai 423 del Trentino Alto Adige. E questo è solo uno degli aspetti nell'universo dell'ingiustizia politico-economica-sociale dei governi italiani.
*M24A ET - Campania
Antonio Picariello

Antonio Picariello

Related Articles

Leave a Reply

Close
Close

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

Close

Close