SICILIA. IL BENVENUTO DEL REFERENTE, FRANCO CALDERONE

SICILIA. IL BENVENUTO DEL REFERENTE, FRANCO CALDERONE

SICILIA. IL BENVENUTO DEL REFERENTE, FRANCO CALDERONE

FRANCO CALDERONE
Da sempre impegnato nel sociale, ho fatto scoutismo, facendo parte dello staff che gestiva la Massariotta, uno dei due soli campi scout di specializzazione presenti in Italia. Nello stesso tempo, insegnavo in una scuola serale, per fare prendere la licenza media serale a lavoratori che avevano abbandonato gli studi. Da questa esperienza, passo al volontariato presso case di riposo per anziani, dove andavo nei week end, assieme ad altri amici, per rendere piacevole la festa domenicale ai nonni. Nel frattempo gestisco un mulino per la molitura dei cereali, tutti locali, e contemporaneamente inizio a sperimentare la coltura dei vigneti ad altitudini fino a quel momento impensabili. E mentre di giorno lavoravo, la notte provavo i percorsi delle strade che ospitavano i rallyes allora notturni, ai quali partecipavo come pilota. Amplio l'azienda vitivinicola, passo dopo passo, e bonifico montagne dove prima sarebbe stato impensabile coltivare qualcosa. Da imprenditore comprendo che i sindacati che dovevano difendere gli agricoltori, tutto fanno meno che quello, e comincia la contestazione nei loro confronti, Coldiretti in testa.
 
Nel frattempo, comprendendo che i mulini non avrebbero avuto vita lunga, a causa delle importazioni di grani provenienti dall'estero, che favorivano solo i grossi commercianti, vendo l'attività e mi dedico all'ampliamento dell'azienda agricola, affiancando alla stessa un oleificio, dove sperimento lavorazioni particolari, senza aggiunta di acqua, per preservare la qualità dell'olio. Nei primi anni duemila inizio la costruzione di una cantina, per la trasformazione di uve da agricoltura biologica, di cui sono uno dei primi produttori siciliani. Ma l'agricoltura continuava a essere penalizzata dalla politica e dai sindacati collusi con essa, e comincia la protesta nei confronti di questo sistema che pesa sulle produzioni, a favore dei commercianti e delle multinazionali. La protesta sfocia nella fondazione del movimento dei Forconi, che mettono a ferro e fuoco la Sicilia, per oltre una settimana. Eventi storici, assimilabili ai vespri Siciliani, dei quali si occupano tutte le televisioni e i giornali italiani, e anche famose testate estere. Per questo impegno, il settimanale Panorama mi “sbatte” la copertina. Tento di fare evolvere il movimento dei Forconi in partito politico, ritenendo che così gli agricoltori meridionali, maggiormente penalizzati dalle multinazionali, avrebbero potuto organizzarsi e difendersi meglio. Non essendo state recepite le me tesi, lascio il movimento, di cui ero fondatore e parte progettuale, e affianco alcuni sindaci siciliani nella creazione di Territorio, movimento politico siciliano, di cui organizzo la presentazione al Politeama di Palermo, in una sala gremita all'inverosimile. Territorio elegge cinque deputati all'Assemblea regionale siciliana. Purtroppo, anche questi, guidati dai partiti romani, non hanno fatto nulla per la Sicilia. Entro a fare parte del partito del Sud di Antonio Ciano, e ricopro il ruolo di segretario organizzativo nazionale. Organizzo gli Stati generali del Sud, al teatro Biondo di Palermo. Da quando ho iniziato le proteste per difendere gli agricoltori meridionali, entro in contatto con Pino Aprile, con il quale mi confronto sulle tematiche riguardanti il Sud, e del quale divento amico.  Mi metto da parte, aspettando che nasca qualcosa di veramente Meridionale, e quando Pino decide che è arrivato il momento, per il Meridione, di prendere in mano il proprio destino, e dà vita al Movimento 24 Agosto per l'equità territoriale, ET-M24A, mi chiama per aiutarlo a segnalare l'iniziativa a quanti possano essere interessati al riscatto del Meridione. Pino mi chiederà, poi, di divenire referente per la Sicilia  di ET-M24A.
 
Movimento 24 Agosto

Movimento 24 Agosto

Related Articles

Leave a Reply

Close
Close

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

Close

Close