STRUTTURA TERRITORIALE PROVVISORIA DEL M24A-ET

STRUTTURA TERRITORIALE PROVVISORIA DEL M24A-ET

  1. Sono costituiti da oggi e fino alla elezione degli organi territoriali sulla base dei regolamenti da elaborare ed approvare, i Comitati Regionali così composti:

sono membri del comitato regionale il Referente Regionale, che lo presiede, gli incaricati dal Presidente del Movimento di coadiuvarlo, i membri del direttivo nazionale residenti nella Regione, i referenti provinciali ed i referenti dei capoluoghi di provincia della Regione.

I Comitati regionali rappresentano un organo consultivo del Referente Regionale sulle scelte di maggiore interesse in linea con gli atti di indirizzo degli Organi Nazionali del Movimento e tenendo conto delle peculiarità della Regione; vanno convocati periodicamente.

  1. Si conferisce espressa delega ai Referenti Regionali di nominare i Referenti provinciali e dei Capoluoghi di provincia. Egli in ogni momento potrà revocare e sostituire i referenti quando questi operino delle scelte non in linea con gli indirizzi ricevuti.

Il Referente Regionale rappresenta il Movimento nelle sedi istituzionali e politiche nell’ambito della Regione, controlla ed indirizza l’attività politica dei Referenti provinciali e assicura la continuità della linea politica degli Organi Nazionali del Movimento su tutto il territorio regionale.

  1. il Referente Provinciale rappresenta il Movimento nelle sedi istituzionali e politiche nell’ambito della Provincia; si confronta periodicamente con il Referente Regionale e del Capoluogo di Provincia per concordare una linea politica omogenea; organizza incontri, dibattiti, confronti con le Amministrazioni locali e promuove in ogni modo le idee del Movimento sul territorio, assicura la continuità della linea politica degli Organi Nazionali del Movimento su tutto il territorio provinciale.
    1. Il Referente Provinciale può autorizzare, sentito preventivamente il Referente Regionale, l’istituzione di circoli comunali o di macro aree provinciali con la dicitura: “Movimento 24 Agosto – circolo sostenitori di (nome del Comune o della macro area)”.
      1. I circoli comunali dovranno avere almeno 15 iscritti al Movimento residenti sul territorio di competenza ed essere richiesti da almeno 15 iscritti.
      2. Una volta istituiti ne fanno parte di diritto tutti gli iscritti al Movimento residenti sul territorio.
      3. Il referente Provinciale nomina il Referente del circolo dopo aver sentito tutti i membri dello stesso o a seguito di un incontro dove siano stati tutti convocati, e previa ratifica del Referente Regionale.
      4. I circoli possono essere presenti sul territorio sia in forma fisica (attraverso l’apertura di sedi) che in forma mediatica (attraverso piattaforme Social e/o simili utilizzando la dicitura di cui al punto 3.1).
      5. Il Referente del Circolo sarà l’unico rappresentante dello stesso; assicurerà la massima partecipazione di tutti i membri sulle attività del Circolo;

promuoverà incontri periodici e si relazionerà periodicamente al Referente Provinciale;

potrà essere revocato in qualunque momento e senza preavviso dal Referente Provinciale, sentito preventivamente il Referente Regionale, o direttamente dal Referente Regionale qualora le attività del Circolo o la comunicazione non siano in linea con gli indirizzi generali del Movimento;

non potrà assumere impegni di alcun genere in nome del movimento;

si farà carico direttamente con il contributo degli iscritti di tutte le spese del Circolo.

Movimento 24 Agosto

Movimento 24 Agosto

Leave a Reply

Close
Close

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

Close

Close