“SUL PIANO COVID PRENDERE ESEMPIO DALLA LOMBARDIA”. SPARA PIU’ PALLE KAPITAN CAPITONE CHE UN’ARMATA TEDESCA

“SUL PIANO COVID PRENDERE ESEMPIO DALLA LOMBARDIA”. SPARA PIU’ PALLE KAPITAN CAPITONE CHE UN’ARMATA TEDESCA

“SUL PIANO COVID PRENDERE ESEMPIO DALLA LOMBARDIA”. SPARA PIU’ PALLE KAPITAN CAPITONE CHE UN’ARMATA TEDESCA

di Raffaele Vescera*
“Noi chiediamo di poter votare in Parlamento subito i decreti che interessano agli italiani, i rimborsi per le imprese, il blocco delle cartelle esattoriali, lo sblocco di tutti i cantieri fermi e un piano vaccinale serio come quello della Lombardia che da febbraio vaccinerà tutti gli over 80.”
Tanto ha avuto il coraggio di dichiarare Salvini in una sua ennesima sparata. Tutti sanno che la Lombardia nella gestione della crisi è stata la peggiore regione d’Italia, tanto da interessare la magistratura per le numerose violazioni di protocolli sanitari e penali. Tutti sanno che la Lombardia è la regione al mondo con il più alto numero di morti ed è tra le ultime d’Italia per somministrazione di vaccini, tanto che sull’onda dell’indignazione popolare, Fontana ha dovuto rimuovere l’incapace e imbarazzante, con tratti tragicomici, assessore Gallera, per sostituirlo con Letizia Moratti.
Letizia per pochi, purtroppo, poiché la neo assessora e vicepresidente del baraccone Regione Lombardia, si è subito distinta per la richiesta di distribuire i vaccini sulla base del Pil, ovvero della ricchezza della regione, poiché, a suo razzista avviso, la vita di un ricco vale più di quella di un povero, magari un infermiere meridionale che perde la sua vita per curare i ricchi padani che se la spassano in bagordi da discoteche.
Ma la perla falsa più grande della Moratti è stata quella mostrata ieri l’altro, nel dire che il piano vaccini della regione Lombardia prevedeva la vaccinazione degli over Ottanta anni a fine marzo, con inizio nei giorni 25 e 26. Questo mentre nelle altre regioni italiane la vaccinazione per gli ottantenni inizierà tra pochi giorni. Altro scandalo esemplare, forse non sapeva di che stava parlando, al che il suo ufficio, interrogato da un giornalista, ha corretto il tiro dicendo che la vaccinazione inizierà a fine febbraio. Cmq in ritardo rispetto alle altre Regioni dello Stivale.
Ebbene, in tutto questo, il capo della Lega, dopo aver strizzato l’occhio a negazionisti e no-vax, ha avuto l’ingenuo coraggio di dire che l’Italia si deve fornire di un piano vaccinale “serio” come quello della sua Lombardia. “Sua” solo per governo regionale leghista, poiché ci rifiutiamo di pensare che 10 milioni di persone, al di là del loro istinto egoistico da “prima il Nord”, possano continuare a ritenersi seguaci della Lega, seppure questa li abbia abituati a ben altro.
Richiesta ancora più incredibile di Salvini è quella di farla finita con il “teatrino” di questo governo e andare subito al voto. Nel suo sogno, pari a quello dell’altro Matteo, di dettare le condizioni al Paese poco gliene impipa che andare a votare in questa situazione di pandemia significa far schizzare contagi e morti, com’è accaduto in Portogallo, e come è accaduto nella stessa Italia lo scorso settembre tra elezioni regionali, referendum e vacanze “da sballo”.
Di più, chiede di far pagare meno tasse ai ricchi, non si sa poi con quali soldi far girare l’Italia, e di sbloccare tutti i cantieri. Quali di grazia, mister leghista? Quelli che fanno comodo alla logica del “Prima il Nord” o quelli necessari al paese, a partire dal Sud privato quasi di tutto dalla politica nordcentrica che tu rappresenti degnamente?
*direttivo nazionale M24A-ET
Raffaele Vescera

Raffaele Vescera

Related Articles

Leave a Reply

Close
Close

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

Close

Close